sabato 6 settembre 2008

Il servizio del TGcolor sulla Critical Mass di Catania e la pista ciclabile mai realizzata.



Ecco finalmente il servizio sulla Critical Mass catanese, trasmesso giovdì scorso su Telecolor. E' bello vedere che piano piano, anche se in ritardo, molti si stanno accorgendo di quanto semplice fosse la soluzione ai problemi di spostamento in città.
Nella mia intervista, della quale pero' è stato trasmesso solo un piccolo spezzone, ho apposta accennato al fatto che non possiamo sempre aspettare che le amministrazoni (sopratutto la nostra) facciano qualcosa per la mobilità sostenibile, per incentivare il muoversi rispettando l'ambiente (e il proprio portafoglio). Due anni fa, un famoso assessore aveva chiesto, fra gli altri, anche il consulto (pensate un po') di alcuni membri della critical mass, per la costruzione di una pista ciclabile che doveva essere lunga 5km e andare da Piazza Stesicoro al Lungomare. Ennesima presa per in giro da parte della "classe dirigente" Catanese.
Il primo tratto era compreso tra Piazza Falcone e la Stazione. Eccola OGGI nostra bella pista ciclabile, dopo DUE ANNI dall'apertura dei lavori.

Questo sotto, invece, è il cartellone che campeggia all'inzio del "cantiere", notare il costo dell'opera (che personalmente giudico assurdo per una pista ciclabile), e notare le date di consegna e durata dei lavori. Cliccando sulle foto potete ingrandirle.

Sotto ancora, una bella vista di Piazza Falcone, area PEDONALE dove campeggia un bel divieto d'accesso. Ma, guarda un pò, impunemente le auto parcheggiano dentro.


ANCORA COMPLIMENTI!!! CHE FINE HA FATTO LA NOSTRA PISTA CICLABILE?? Come volevasi dimostrare, prima ci si ingraziano gli elettori con iniziative da premio Nobel, e poi gli si voltano le spalle. C'è chi lo fa con i falsi posti di lavoro, falsi concorsi, c'è chi con le fantomatiche piste ciclabili, c'è chi lo fa con le buste delle spesa regalate alle famiglie in cambio del voto. Per inciso, non ho comunque votato nè per il sedicente assessore della "pista ciclabile" in questione, ne per tutti quelli del "giro".

ANCHE PER QUESTO si fa Critical Mass, e non solo per divertirsi una sera in sella all'unico mezzo che non ti dà pensieri. Critical Mass si fa OGNI GIORNO, ogni volta che si prende la bici e si lasciano ferme le auto in fila al semaforo o al distributore per paura degli scioperi, ogni volta che si riesce a parcheggiare gratis e ovunque senza paura di multe, ogni volta che si dà l'esempio. E finchè si può bisogna farsi sentire, e in questo caso, farsi vedere. Senza aspettare che qualcun'altro lo faccia per noi.

3 Commenti!! Fatti sentire!:

Ros@ ha detto...

La bici è la dimostrazione attiva e immediata di come si può vivere la città in modo migliore, guarire dallo stress da auto, e dalle incazzature da traffico a cui ci ha portato la dipendenza
dall'automobile, ma cè bisogno (da parte di TUTTI) di più presa di coscienza.

Mali Cunfusioni ha detto...

ciao Gaetano,

la notte del servizio del TGcolor, abbiamo fatto male a non portare il CM nella zona dove c'è la pista ciclabile in costruzione ... almeno avrebbero documentato per l'ennesima volta come le cose a Catania vanno per le lunghe ... sempre!

PS: mi inserisci tra i tuoi preferiti?
http://latitudine37310n.blogspot.com/

Anonimo ha detto...

6 un drogato!

Posta un commento

Rock(S)politik with...

USA LA BICI

Creative Commons License Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons Ariticolo 21

Free Blogger
eXTReMe Tracker

Post di rilievo per argomento

Promozione apertura Gev

Ecologia

Politica e spolitica

East Side Stories
Cultura e Scultura

Povera Italia
Template by KangNoval & Abdul Munir | blog Blogger Templates